Excite

Vittoria Puccini nuova testimonial Pantene fino al 2014

  • Infophoto

Ma Elisabetta Canalis? All'annuncio che Vittoria Puccini sarà la nuova testimonial Pantene fino al 2014, in molti si sono chiesti se l'ex velina, dopo il benservito da Clooney, si fosse preso anche quello dall'azienda inglese, ma a quanto pare (almeno per il momento) le due non si faranno concorrenza: Eli continuerà a essere il volto della linea Rigenera&Protegge, mentre Vittoria diventerà quello di Pantene Aqua Light.

Del resto, a sentire le dichiarazioni fatte dalla Puccini in un'intervista a Vogue, l'attrice non sembra proprio il genere di persona che si mette a 'fare le scarpe' a una collega. Nata a Firenze nel 1981 e con alle spalle ruoli in produzioni di successo come Tutto l'amore che c'è, Elisa di Rivombrosa, Baciami ancora e il recentissimo Magnifica presenza, di Ferzan Ozpetek, Vittoria si dimostra infatti una persona alla mano e con i piedi per terra, una 'anti-diva' per eccellenza.

La sua idea di bellezza, per esempio, è un manifesto per tutte quelle ragazze convinte che per essere sexy e attraenti sia necessario uniformarsi ai canoni imposti dalla pubblicità e dai media: "Non può e non deve esserci un canone unico e assoluto a cui ispirarsi. Ognuno è portatore di un certo tipo di bellezza, che va rispettato a prescindere" e ancora: "In determinati periodi della vita come l'adolescenza si fa fatica ad accettarsi, magari ti guardi e trovi solo i difetti senza vedere il buono ma bisogna passare anche attraverso questi momenti per arrivare a capire la propria diversità e accettarla. E così diventi più bella".

Da parte sua, Vittoria dice che a farla sentire bella è "sicuramente mia figlia: in tutte le foto in cui sono con lei mi vedo sempre bella", dichiara di non riuscire "a legare un oggetto alla bellezza" e parla di casa sua a Firenze come uno "dei posti in cui, se vado lì, non so come, mi sento bene", perché "lo specchio di Firenze è uno specchio che mi piace. Mi restituisce un'immagine che amo".

E a proposito di capelli, argomento inevitabile dato il suo nuovo 'ruolo', ricorda di avere avuto "il mito della frangia della mia compagna di banco", con "i capelli perfetti, lunghissimi e neri", mentre lei, dopo anni di lotta, ora ammette che le piace "da morire averli mossi, li tengo sempre al naturale". Uno stile che ottiene usando ogni giorno shampoo e balsamo - "per me è una routine quasi obbligatoria, una necessità vitale, altrimenti non li pettino" - e utilizzando una maschera idratante leggera, per evitare l'effetto "capelli-monoblocco immobili". Manco a dirlo, della linea Pantene Aqua Light.

Ma che la sua preferenza sia solo per esigenze di contratto è tutto da vedere. Infatti Vittoria dichiara: "Sono felice di essere testimonial di qualcosa che effettivamente io curo molto da sempre. Non è come fare la pubblicità a uno yogurt quando lo yogurt non lo mangi e ti fa schifo. Ho sempre dato molta importanza alla cura dei miei capelli anche prima di cominciare a fare questo lavoro". E di fronte a una simile schiettezza, come non crederle?

bellezza.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017