Excite

Come fare lo smalto cotto fai da te in casa

Lo smalto cotto è una variante dello smalto semipermanente realizzabile in casa. In realtà lo smalto consiste in una vera e propria cottura sotto lampada di uno smalto normale, per questo sarà necessario comunque avere a disposizione alcune parti della strumentazione che serve a realizzare anche lo smalto semipermanente. La particolarità dello smalto cotto è quella che, questo tipo di nail polish, è removibile utilizzando del semplice acetone e, ovviamente, sfruttando degli smalti semplici, anche il suo costo finale è decisamente minore rispetto a quello dello smalto semipermanente.
    @Getty Images

La tecnica dello smalto cotto realizzato in casa

Sapere come fare lo smalto cotto potrà aiutare tantissime fanatiche dello smalto semipermanente a risparmiare qualche soldino ottenendo un risultato più duraturo nel tempo. Per fare lo smalto cotto servirà una lampada di polimerizzazione tipica dello smalto semipermanente, un due in uno base e top coat sempre appartenente allo smalto semipermanente e, infine, dello smalto semplice del colore che più preferite. Per iniziare eseguite una manicure di routine, onde evitare di avere fastidiose cuticole e disomogeneità delle unghie prima di applicare lo smalto. Con un bastoncino d'arancio rimuovete attentamente le cuticole, aiutandovi anche con un buffer così da appianare le diversità dell'unghia. Limate le unghie alla stessa lunghezza e, se volete, passate un buffer quattro in uno per smaltire gli eccessi e lucidare l'unghia. A questo punto potete iniziare ad applicare il vostro smalto cotto.

Per prima cosa per realizzare lo smalto cotto dovete passare sull'unghia il top coat base da smalto semipermanente, una volta steso lasciatelo sotto la lampada a polimerizzare per circa 2 minuti e, alla fine della cottura, non sgrassate né passate alcun buffer. Si deve infatti creare una base solida su cui andrete ad applicare le passate successive di smalto. Prendete del semplice smalto e date una prima passata su tutte le unghie, dopodiché lasciatelo a polimerizzare sotto la lampada dai 5 ai 10 secondi, l'esposizione dipende molto dalla marca di smalto che state utilizzando ed, essendo dello smalto semplice, non esiste un tempo univoco per ogni marca e tipologia. Una volta fatto polimerizzare il primo stato non usate lo sgrassatore né la lima buffer e passate direttamente una seconda mano di smalto, che lascerete polimerizzare sotto la lampada per circa 5-10 secondi come per la prima passata. Finito questo procedimento non usate sgrassatore o buffer ma passate direttamente il top coat che avete messo anche come base, lasciandolo sotto la lampada polimerizzante per circa 2 minuti. Alla fine avrete ottenuto uno smalto semipermanente semplicemente cuocendo dello smalto normale e sarà possibile rimuoverlo con facilità immergendo le dita nell'acetone.

    @Getty Images

bellezza.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017