Excite

Adele testimonial L'Oréal Paris: contratto da 12 milioni di sterline rifiutato. Che cosa è successo?

  • Getty Images

di Silvia Artana

12 milioni di sterline, più di 14 milioni di euro, non possono bastare (a rovinare una reputazione). E' questo quello che - pare - ha pensato Adele, quando ha detto di no all'offerta monster di L'Oréal Paris per diventare la sua testimonial. La celebre cantante brit, infatti, era in trattativa con la maison francese per prendere il posto di Cheryl Cole, ma alla fine ha deciso di non mettere la sua firma sul contratto.

Adele stilista per Burberry: disegnerà una linea plus size

Il rifiuto è subito rimbalzato su tutti media e una non meglio precisata fonte si è data da fare a spiegare ai vari giornali e siti che "L'Oréal stava negoziando un accordo con Adele e sembrava che lei fosse sul punto di accettare, quando si è tirata indietro". L'azienda "è rimasta di sasso", ha aggiunto quindi la gola profonda.

Cheryl Cole, tatuaggio shock sul lato B con rose rosse giganti: le foto

E in effetti, se - come sembra - l'accordo è naufragato all'atto della firma (che di solito è una formalità), è naturale che L'Oréal abbia incassato il colpo, così come probabilmente non farà finta di niente con la cantante: sentirsi dire "no grazie, ho cambiato idea" con 12 miliardi di sterline di contratto in ballo e cifre impensabili per i comuni mortali messe in preventivo per la campagna con la singer brit non è come veder declinare gentilmente l'offerta di un caffè.

Al momento, comunque, dall'headquarter parigino del Gruppo altro non trapela, anche se forse i vertici del marketing di L'Oréal hanno la 'colpa' - se così la si vuole chiamare - di non avere prestato abbastanza attenzione ai segnali dati in passato da Adele. La vincitrice dell'Oscar 2013 per la Migliore Canzone con Skyfall, infatti, nel 2011 ha rilasciato una dichiarazione che, col senno di poi, sembra inequivocabile: "Non voglio che il mio nome compaia di fianco a un marchio. Non voglio essere corrotta o ossessionata. Penso che sia vergognoso mettersi in vendita".

Insomma, non proprio le parole e l'atteggiamento che ci si aspetta da un potenziale testimonial, anche se nella primavera di quest'anno è circolata più di una voce su una corsa a due tra Dior ed Estée Lauder per ingaggiare Adele come ambasciatrice. Alla fine l'ha spuntata il 'terzo incomodo', ovvero L'Oréal, ma c'è da scommettere che ora i vertici della casa cosmetica parigina non siano più così contenti di avere fatto le scarpe ai rivali.

Ma che cosa ha fatto cambiare idea alla cantante inglese? Il Mirror (e non è l'unico) insinua che dietro al rifiuto di Adele in definitiva ci sia un puro calcolo utilitaristico. La singer infatti ha un patrimonio stimato di 35 milioni di sterline (quasi 42 milioni di euro) e rischiare di rovinarsi la reputazione - in sostanza rimangiandosi quanto detto in passato - per 3 milioni di sterline l'anno, spalmati in 4 anni, non le è parso un buon affare.

Insomma, sembra proprio che L'Oréal dovrà rassegnarsi ai continui cambi di colore dei capelli e ai tatuaggioni non proprio fini del suo volto storico, Cheryl Cole: magari lei è mutevole per quanto riguarda l'aspetto, ma almeno per il momento non pare intenzionata a rinunciare al suo contratto da 500 mila sterline (circa 600 mila euro) l'anno. Cifra che fa di lei anche una testimonial molto più economica...

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018